NEWS

GIORNATA SPORTIVA DI FINE ANNO PER LA SCUOLA PRIMARIA DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO N. 2 “GIOVANNI PAOLO II” DI CAPO D’ORLANDO.

Si è svolta stamattina, 29 Maggio, presso il campo sportivo “Micali” di Capo d’Orlando, la manifestazione di fine anno “ A scuola….di corsa”.
L’ evento si colloca alla fine di un percorso di educazione fisica coordinato da esperti esterni che ha visto coinvolti gli alunni della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo n.2 “Giovanni Paolo II” di Capo d’Orlando. 
La Dirigente Scolastica, dott.ssa Antonina Milici, ha voluto sottolineare l’importanza che l’attività sportiva riveste in ambito scolastico in quanto “essa sta alla base del benessere psico-fisico della persona. Pertanto l’educazione fisica non può e non deve  essere considerata una disciplina di secondo piano in un’offerta formativa degna di questo nome. Insieme con una corretta educazione all’alimentazione e alla cura dell’ambiente, essa deve costituire uno dei nuclei fondanti della formazione culturale del cittadino di domani. La scuola deve quindi integrarsi funzionalmente con le risorse presenti sul territorio , in special modo con le associazioni sportive, con i servizi di psico-pedagogia dell’ASL e con le associazioni attente alla salvaguardia dell’ambiente affinché gli alunni possano essere educati al rispetto di se stessi, degli altri e del territorio”.

Durante l’intera mattinata, dalle ore 8.30 alle ore 13.00,  si sono effettuate mini-gare podistiche (500 metri fino a un massimo di 800 metri) , percorsi ludico-motori e attività organizzate di mini-basket e calcetto.
Le attività sono state coordinate dagli istruttori Francesco Passalacqua (esperto C.O.N.I.), Nunzio Scolaro e Nino Galbato (esperti N.F.C. Orlandina Calcio) e Giuseppe Condello (esperto A.S.D. Costa d’Orlando) col supporto della A.S.D. podistica  Capo d’Orlando. 
Prima di iniziare, la Dirigente ha ricordato così la campionessa olimpionica Annarita Sidoti, recentemente scomparsa:
“Desidero ricordare, in occasione di una giornata come questa che è dedicata all’alfabetizzazione motoria nella scuola primaria, la figura di una grande sportiva scomparsa da pochi giorni: Annarita Sidoti. E la voglio ricordare non solo come campionessa olimpionica mondiale ed europea che ha dato lustro alla nostra nazione con le sue vittorie ma anche e soprattutto come professionista che ha scelto di operare proprio nella scuola primaria a fianco dei docenti per insegnare ai bambini. Il ricordo che ho di lei è diretto, visto che abbiamo lavorato a Patti nello stesso Istituto, ed è quello di una persona  infaticabile che si è spesa fin quando ha potuto e anche oltre, durante gli anni dell’impietosa altalena della sua malattia, senza mai un lamento, sempre con il sorriso sulle labbra e con l’amore negli occhi.
Una grande donna, la “maestra Annarita”, come la chiamavano i bambini che l’aspettavano ansiosi, a testimonianza di come il suo impegno e la sua dedizione dessero i loro frutti, tangibili nell’entusiasmo che gli alunni manifestavano per l’ora di educazione fisica; ora che non era quella del “dolce far niente”come a volte capita quando chi non sa da che parte cominciare si difende accampando le scuse meno plausibili, come la mancanza di strutture adeguate o quant’altro. L’ora della “maestra Annarita” era un’ora piena, un’ora di 60 minuti, un’ora di lavoro senza sosta, un’ora sempre svolta, col sole in cortile o con la pioggia nell’aula magna o addirittura nei corridoi, cercando di “non fare rumore “ perché così  dettavano la sua delicatezza e la sua etica professionale. E ancora la voglio ricordare come mamma che ha amato i suoi bambini (alunni in quello stesso Istituto dove lei ha lavorato) più di se stessa e per i quali ha lottato contro la malattia fino all’inverosimile. Moltissimi erano presenti al suo funerale. Anche io c’ero, ma non perché Annarita era la star dello sport; c’ero per salutare un’ultima volta una donna che ha costruito la sua grandezza con la semplicità e con la dolcezza. Un grande esempio di serietà e professionalità al quale tutti dovrebbero guardare. Allora forse, non ci sarebbe bisogno di alcuna travagliata Riforma per avere la “Buona Scuola”.

Incredibilmente composti, circa 300 bambini, hanno osservato, subito dopo queste parole, un minuto di silenzio.

Alle Associazioni N.F.C. Orlandina Calcio nella persona del responsabile settore giovanile Nino Galbato, A.S.D. Costa d’Orlando nella persona del Presidente Mauro Giuffrè e A.S.D. podistica  Capo d’Orlando nella persona del Presidente Cinzia Sonsogno va il sentito ringraziamento della Dirigente Scolastica, per il prezioso contributo che hanno dato alla scuola  tramite il lavoro volontario e gratuito degli esperti Nunzio Scolaro e Giuseppe Condello che hanno supportato gli insegnanti durante il corrente anno scolastico nelle ore di educazione fisica per avviare i bambini alla pratica sportiva in maniera appropriata e corretta.
Un sentito ringraziamento anche all’esperto Francesco Passalacqua che ha operato nell’ambito del progetto “Sport di classe” promosso dal MIUR di concerto col C.O.N.I. nelle classi i cui i docenti hanno aderito all’iniziativa.
Si ringrazia, inoltre, il Comune di Capo d’Orlando per aver concesso l’uso del campo sportivo e aver reso disponibili gli scuolabus per il trasporto alunni,l’Associazione onlus  – Centro Navacita di Naso che ha donato le medagliette per la premiazione della gara podistica, la Croce Rossa di Tortorici che ha prestato opera di assistenza e monitoraggio e fornito l’ambulanza , il dottore Nino Contiguglia che si è reso disponibile per l’ assistenza medica durante la manifestazione , gli sponsor (Macelleria Gugliotta, Supermercato Tuodì, Bar La Cambusa, Pasticceria La Conchiglia, Panificio Zingales, Pizzeria Il Torrente e Coffee Choc) i genitori , i docenti  e tutti coloro che, grazie alla loro collaborazione, hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento.